Pignataro Giuseppe – S.Demetrio Corone (CS) – Scatto rubato

Questo scatto è stato effettuato a Cortina d’Ampezzo, durante un soggiorno di alcuni giorni che ho avuto modo di effettuare quest’estate. L’immagine è stata scattata con una nikon d90 ed successivamente elaborata con Aperture 3.

309 Pignataro Giuseppe scattorubato

Popularity: 1% [?]

Comments (11)

 

  1. Enrico Maddalena scrive:

    Tutte le buone regole non possono e non devono mai essere delle gabbie, ed anche l’inclinazione del quadro può avere dei fini espressivi, fini che non vedo però in questa immagine. In genere si usa inclinare il quadro per evocare dinamismo o squilibrio. La scena ripresa fissa invece due persone ferme a contemplare una vetrina (stasi ed equilibrio).
    Se l’inclinazione è una scelta voluta, è sbagliata. Se è dovuta alla fretta di scattare senza farsi accorgere, allora si tratta di una immagine da scartare.
    Scusa la franchezza, ma sono le critiche costruttive quelle che fanno crescere.
    Enrico

  2. Non c’è nulla da rubare in questa foto: non l’attimo, che invece di fuggire se ne sta tranquillo a valutare modelli e costi; non il taglio angolato che provoca solo l’effetto “traghetto con mare forza sette”; non infine il colore, inutilmente ultrasaturato sui toni freddi.

    Due Pater, un Ave e passiamo ad altro… ;-)

  3. Domenio Brizio scrive:

    E’ una ricerca di costruire un’originalità senza aver incontrato una originalità. L’inclinazione non è giustificabile: una tecnica che non si sposa con il volto dell’esistente è un pò inefficace.

  4. Antonino Tutolo scrive:

    Condivido le opinioni dei colleghi. La dinamicità, che può essere resa dall’inclinazione della verticale, fa sembrare solo apparentemente diversa un’immagine consueta e scontata. Nella fotografia ci vuole capacità di osservazione e spesso anche coraggio.
    Prima di scattare, bisogna chiedersi cosa c’é di interessante nella scena. Un artificio, come l’inclinazione dell’apparecchio, serve a moltiplicare a coniugarsi a significati già presenti nel soggetto, non a creare quello che non c’é.
    E’ un po’ il discorso di chi usa la post produzione (analogica o digitale), per stupire l’osservatore con effetti speciali. Ma, dopo il primo impatto visivo, l’occhio cerca significati concreti.

  5. Salve a tutti,
    volevo in primis ringraziare la redazione per la pubblicazione della mia foto.
    Inoltre volevo ringraziare i fotografi per le varie critiche che ritengo molto utili. Per quando riguarda alcune questioni che vi siete posti a proposito dell’inclinazione, è una cosa voluta e non casuale. Grazie a voi adesso ho capito cosa migliorare per la prossima volta, qualora abbiate qualche altro suggerimento ve ne sarei molto grato. Sono ancora giovane e ho molto da imparare. Grazie a ancora a tutti.

  6. Maurizio Tieghi scrive:

    Questa fotografia ha il pregio di non essere catalogabile tra quelle “conformi” ai canoni convenzionali, così come risulta dai vari commenti, la non conformità all’imperante buon gusto la rende una perla nel suo genere. Da imitare per l’attimo rubato ma da sconsigliare per gli interventi postumi.
    Maurizio Tieghi

  7. Non trovo rilevante sapere con che attrezzatura è stata scattata e con quale programma è stata elaborata…però sono molto curiosa di sapere che significato ha questa fotografia per l’autore.
    Quando si manda un’immagine perchè sia pubblicata, abbiamo sempre un’idea in testa…

    Elisabetta Moschetto

  8. Antonino Tutolo scrive:

    E’ un’immagine scattata all’ombra (quindi intorno ai 6000 °K). Non può che essere fredda.

  9. @Antonino Tutolo
    “E’ un’immagine scattata all’ombra (quindi intorno ai 6000 °K). Non può che essere fredda.”

    Sì, certo, perché a fare una postproduzione più rispettosa della luce con meno saturazione, blu sparati e contrasti, sarebbe emersa meglio la povertà della scena:
    http://www.bortolozzo.net/temp/rubato_meno.jpg

  10. Antonino Tutolo scrive:

    Molti non condividono la postproduzione; tengono l’immagine così come viene. Giuseppe è un giovane fotoamatore, ma presto imparerà anche il bilanciamento del bianco in ripresa.

  11. Inclinazione voluta sì, ma perché? A volte l’apprezzo, ma dovrebbe essere funzionale all’immagine (contenuto), mentre qui non riesco a vederne la ragione

Leave a Reply