Anastasio Roberto – Roma – La porta chiusa

Abituato alle porte corrazzate delle nostre città, rimanevo colpito dalla vecchia porta in questione, magari “fragile” ma in grado ancora di svolgere il suo lavoro, impedire l’accesso agli estranei!
Graditi consigli tecnici e non.


316 Anastasio Roberto la porta chiusa

Popularity: 1% [?]

Comments (11)

 

  1. Antonino Tutolo scrive:

    Il tema delle porte è ormai storico ed inflazionato.
    Questa immagine è ben realizzata, in low key; con una buona composizione.

  2. Grazie del commento Antonino, proverò a scattare qualcosa di diverso prossimamente

  3. Maurizio Tieghi scrive:

    Il pregio delle porte di quei tempi era di essere un perfetto esempio di simmetria tra volumi, in questa fotografia non è rispettato quell’incanto, frutto di convinzioni estetiche maturate in secoli. Questo potrebbe significare che la fotografia è più moderna del soggetto che l’autore dice di voler mostrare. L’equilibrio puramente estetico è una sublime forma d’arte, anche nella fotografia moderna. Il trarne godimento guardandola è un percorso di conoscenza.

  4. Trovo interessante la descrizione della “pelle” della porta. L’inquadratura stretta riduce la fisicità della finestrella in alto che finisce troppo sul bordo sinistro. A mio parere, meritava stringere di più, solo su uno dei pannelli, o allargare fino a contestualizzare l’intera porta.
    In ogni caso, mi sono divertito a togliere le “pellicine” ;-D

  5. Catellani Franca scrive:

    Il soggetto delle porte in fotografia si vede spesso a volte diventa l’esercizio fotografico per composizione dei segni che porta , qui c’è una finestrina piccola- piccola con una ragnatela è una porta vecchia di una casa vecchia ti trovi davanti a quella porta e ti viene da pensare a chi l’ha vissuta cosa contiene ::::::
    - dietro ad ogni porta chiusa si cela il mistero , si crea l’immaginario IL regista Lang nei suoi film è bravissimo nel creare il sospetto ,- il fascino –la curiosità di “ Dietro una porta chiusa “ ci rimanda con tutte le sue ambiguità , la porta chiusa crea voci dentro ognuno di noi di paura e di attrazione – , l’autore ha fatto bene a togliere il colore il b/n ha un linguaggio introspettivo – evocativo tocca corde diverse in ognuno di noi .

  6. Catellani Franca scrive:

    a proposito qualcuno mi dice cosa è
    low key ? uffa mi sono già dimenticata come si fa la faccina ahimè

  7. Antonino Tutolo scrive:

    La Low Key è la chiave bassa.
    Per usare la low key occorre un soggetto che non presenti una eccessiva escursione di tra i toni più chiari e quelli più scuri. Tramite sottoesposizione (ed opportuni accorgimenti di sviluppo e stampa) si cerca di ottenere annerimenti anche nei grigi chiari. Quindi si rende tutto con preponderanza dei toni bassi. Famosa è la foto del lottatore di pelle nera reso tutto in chiave di toni bassi (non ricordo il nome dell’autore, ma era su tutti i giornali).
    Il contrario della Low key e la High Key (chiave alta), nella quale tutto è reso in tonalità di grigi e di bianchi, con assenza dei toni neri e di grigi scuri. E’ il caso della fanciulla bionda, vestita di bianco e su fondo molto chiaro, in completa assenza di neri puri e di semitoni scuri, magari anche ricorrendo ad una leggera sovraesposizione, che rende eterea l’atmosfera.

  8. Antonino Tutolo scrive:

    @Franca Cattellani
    Ho trovato questo manualetto sulla chiave alta su internet
    http://www.faberphoto.it/blog/wp-content/uploads/2009/12/Fotografia_Highkey.pdf

  9. Domenico Brizio scrive:

    Obbiettivo puntato su una porta stanca ma ancora in piedi: il punto dove ha resistitito di meno la vernice è al contatto con le dita della mano che la apriva/chiudeva. E si vede l’ingiuria del tempo, lenta e inesorabile se non ti rinnovi. Questi sono segni del tempo! Meno mentali, più immediati.
    Siccome richiesto: avrei cercato una ripresa nelle prime ore del mattino o nelle ultime della sera, con una luce laterale capace di alzare alla vista ogni minima ruvidezza. Composizione: c’è poca tensione geometrica per aver incluso forse anche il ‘troppo’.

  10. Catellani Franca scrive:

    @ Tutolo Antonino
    Grazie per il suggerimento vado a vedere subito :-)

  11. Roberto Anastasio scrive:

    In effetti questa foto è stata scattata nell prime ore del pomeriggio (bravo Fabrizio ad averlo capito). Grazie per il consiglio di cui ne farò tesoro in caso volessi scattare su un soggetto simile in futuro. Sono proprio i suggerimenti che cerco per poter crescere fotograficamente parlando. Grazie a tutti quanti x i vostri interventi.

Leave a Reply