Cameli Leone – Silvi (TE) – Cigno solitario

Foto scattata con una canon 5d con ob.70/200 f2.8 in una splendida giornata di autunno ad un cigno rimasto solitario dovuto alla partenza del suo compagno di cui rimane il solo ricordo di quella piuma.

359 Cameli Leone cigno

Popularity: 1% [?]

Comments (25)

 

  1. Antonino Tutolo scrive:

    L’autore, stringendo l’inquadratura, mette in evidenza più la simmetria geometrica, per altro eccellente, che il gesto di raccogliere la penna (solo ad un quinto, circa, dalla sinistra), a mio avviso più significativoe più aderente al titolo ed alle intenzioni espresse nella nota dall’autore.
    Avrei preferito un’inquadratura più ampia ed aperta verso sinistra.
    Complimenti

  2. weila che poesia poetica!!!
    direi che c’è della post..ma chissene !!!
    è fatta a regola d’arte e ci sta molto molto bene e aiuta alla lettura poetica!

    ommini….non sanno mica vedere la poesia delle piccole cose…!

  3. Antonio Esposito scrive:

    Mi complimento con l’autore. La foto è molto bella; mi sembra troppo perfetta per essere vera. Sebbene la foto ha uno sviluppo orizzontale, mi sono divertito a guardarla in verticale … scoprendo altre figure giometriche.

  4. Ezio Turus scrive:

    Con che cosa sia stata scattata credo non importi a nessuno.
    Importa invece tutto il sentimento che questa fotografica comunica, compresa l’interpretazione dell’autore che è assolutamente condivisibile. (magari il cigno pensava tuttaltra cosa, ma a noi non ci sarà mai dato di sapere).

    @donatella … in tutta onestà, le leggi le cose che scrivi o martelli la tua tastiera a vanvera?
    l’utlima frase, poi la trovo particolarmente offensiva. ma forse fa parte del tuo carattere e questa è la ragione che ti porta a scrivere queste (e purtroppo altre) amenità

  5. franca catellani scrive:

    hahahah Donatella i tuoi commenti sono unici !!!

    L’immagine è molto bella rigorosa , essenziale a sottolineare la presa della piuma , secondo me non c’è intervento di Photoshop guardando bene il riflesso del becco si vede anche il suo interno ,che non sarebbe possibile se fosse stato creato è uno scatto delicato anche nei colori.complimenti

  6. a ezio
    Per fortuna…sono dotata di sense of humour e non mi sento chissà chi e quindi ci rido su…persino delle cavolate che scrivo perchè mi si intrecciano le dita!!
    ma…come mai ti sei risentito…strano… forse non ti reputi in grado di vedere la poesia delle piccole cose?
    Pochi uomini ci riescono, quest’autore ci è riuscito, mi posso esaltare o è vietato???????
    Se vuoi possiamo iniziare a fare polemica fin alla fine del mondo nel 2012…
    ma Tu che sei così impegnato di sicuro avrai cose molto + “alte e artistiche” da fare che perderti dietro alle mie amenità…
    Sai, spesso le amenità aiutano a vivere con + leggerezza!

  7. a franca
    si io non intendevo immagine creata da zero. ma semplicemente un intervento sull’acqua che mi sembra molto morbida, forse schairita nei punti giusti ma io avrei fatto lo stesso per accentuare l’allure poetico- malinconica, un’ umanizzazione del mondo animale che sempre + spesso è molto + umano degli esseri umani.

  8. Maurizio Tieghi scrive:

    non mi piace per niente questo collo doppio che sbuca dall’acqua come se si trattasse del mostro di lock ness, se si allargava verso il corpo del cigno si notava ugualmente il gesto del becco e la simmetria geometrica del collo ma migliorava l’insieme. Peccato non aver aspettato ancora un attimo e si poteva beccare anche la lacrimuccia lucente, dovuta alla situazione strappacuore così ben narrata dall’autore.

  9. Marco Furio Perini scrive:

    A costo di passare per il solito uomo che non sa vedere la poesia, devo dar ragione a Maurizio riguardo all’analogia con il mostro di Lockness :-) Credo che il taglio scelto abbia privilegiato molto l’aspetto simmetrico della foto – come già sottolineato da Antonino – a scapito dell’aspetto emozionale ma anche naturalistico, una ripresa più ampia sul cigno avrebbe probabilmente reso l’immagine più naturale ed emotivamente più credibile. Parere del tutto personale ovviamente. Ciao

  10. Maurizio Tieghi scrive:

    Foto scattata con una canon 5d con ob.70/200 f2.8.
    La fotografia è il prodotto di una macchina, riportare i dati della matrice da cui è scaturita è un dato a mio parere non trascurabile, averlo menzionato da parte dell’autore non lo ritengo solo il vanto di possedere un’attrezzatura costosa. Alcuni avranno da ridire che con tanto di mezzi a disposizione si poteva fare di meglio, altri che proprio grazie a loro si è potuto ottenere il risultato degno di essere mostrato. Nel frattempo le case produttrici immettono sul mercato nuovi prodigiosi prodotti.

  11. Gianni Bottari scrive:

    Non amo particolarmente la fotografia naturalistica ma rapportare un cigno a Nessie di Locn Ness mi sembra un tantinello eccessivo. ;-)
    Sembra una fotografia molto elaborata ma alla fine cio’ che conta è capire se trasmette o meno l’idea iniziale dell’autore.
    Cosa che mi appare poco riuscita.
    GB

  12. Antonino Tutolo scrive:

    Non dimentichiamo che la fotografia è, insieme, tecnica e arte. La tecnica è funzionale alla resa del soggetto e quindi incide sul risultato finale. Il bianco dei cigni, in condizioni di illuminazione normale (col sole) facilmente crea problemi di esposizione, anche in B/N., Sul collo si distinguono le sfumature dei bianchi e dei gialli. Quindi l’autore ha fotografato in condizioni di luce morbida.
    La foto dev’essere frutto di un taglio consistente, perché normalmente la 5D MKII ha ben altra resa dei toni e ben altra risoluzione, anche con tagli di una certa rilevanza. La luce morbida ha senz’altro reso più monotona, quindi meno realistica, la superficie dell’acqua. Nell’immagine si nota un intervento in post per scurire il riflesso del collo nell’acqua, che altrimenti sarebbe risultato troppo aggressivo (due larghe fasce bianche avrebbero impedito di osservare il resto dell’immagine). L’aggressività del bianco è un fatto noto, come è noto il sopravanzamento prospettico del rosso sugli altri colori.
    Ma dov’é il problema?
    In stampa analogica queste cose si fanno normalmente.
    Vorrei sapere se la foto è stata realizzata in RAW o direttamente in JPEG.
    Dai, Ezio, non prendertela. Sai che alle donne piace essere biricchine per farsi coccolare. Poi Donatella, con la sua spontaneità, risulta quasi sempre simpatica.

  13. Massimo Losacco scrive:

    Tra le foto in prima pagina l’occhio è caduto immediatamente su questa immagine.
    Mi sono soffermato ad osservarla a lungo, rapito dalla tenerezza di un gesto che sarà durato una frazione di secondo, ma grazie alla prontezza dell’autore è stato immortalato.
    Non credo che in questi momenti ci sia possibilità di scelta, e quindi di curare l’inquadratura, i dettagli, l’esposizione perfetta…..etc.
    Il momento è questo e lo si porta a casa come viene, senza pensare se c’è troppa aria, troppo questo, poco quello. E’ un’istantanea non un dipinto.
    Quando leggo poi le solite frasi….”avrei preferito”, allora mi chiedo dov’è la ragione.
    Ovviamente cento persone hanno cento punti di vista diversi,ma qui penso si debba rispettare un pò di più l’autore, per questo momento di magia che è riuscito a cogliere. Perchè non ci chiediamo invece, con la guista dose di umiltà, “io sarei riuscito a cogliere l’attimo?”
    Probabilmente no, per quanto mi riguarda, sia avessi avuto una 5D che una compatta, e quindi voglio complimentarmi con l’autore per la splendida immagine.
    La perfezione non è di questo mondo, e quindi trovo i piccoli difetti assolutamente trascurabili, umani, e tali da rendere unica questa poetica immagine.
    Per quanto mi riguarda è un ottima immagine, con una garbata post, corredata da pochi versi che invitano a sognare.
    Un saluto a tutti

  14. Leone Cameli scrive:

    Ringrazio tutti x i benevoli commenti o critiche(scusate il ritardo)
    Antonino si la foto è stata realizzata in raw.
    Grazie Maurizio della tua difesa, sicuramente Ezio non volevo vantarmi in nessun modo di possedere questo o altro ma bensi dare un dato tecnico in + .
    Gianni sono molto sodisfatto della foto mi dispiace x te .
    Un grazie alla redazione .

  15. Antonino Tutolo scrive:

    @Maurizio Losacco
    “Quando leggo poi le solite frasi….”avrei preferito”, allora mi chiedo dov’è la ragione.”

    La ragione sta nel fatto che, se uno propone le sue immagini sul blog, per un commento, poi questo commento, per forza di cose, ci sarà. E sarà soggettivo.
    Altrimenti non ha senso mettere su un blog per esporre commenti sulle fotografie!
    Ti pare?

    @
    “ma qui penso si debba rispettare un pò di più l’autore, per questo momento di magia che è riuscito a cogliere.”

    Non mi pare che, esponendo un mio punto di vista, oltretutto espresso in modo costruttivo, ho mancato di rispetto all’autore.
    Se ritieni invece il contrario, fammi la cortesia di indicarmi dove, in che punto, ho mancato.

    @”con la guista dose di umiltà, “io sarei riuscito a cogliere l’attimo?””

    Questa affermazione è completamente priva di senso.
    E’ come dire che un critico d’arte, o un qualunque osservatore, non può permettersi di criticare un’opera, per il semplice fatto che non sa fotografare, dipingere o scolpire personalmente.
    Allora Sgarbi lo mandiamo a lavorare in campagna?!
    Cogliere l’attimo non significa necessariamente fare una foto bella o significativa.
    Il mondo è fatto di miliardi di attimi, tutti significativi e tutti insignificanti.
    Su questo blog si discute per imparare, TUTTI
    Altrimenti conviene tenersi per se le immagini, in cassaforte!

  16. Antonino Tutolo scrive:

    @Massimo Losacco
    “La perfezione non è di questo mondo, e quindi trovo i piccoli difetti assolutamente trascurabili, umani, e tali da rendere unica questa poetica immagine.”

    Mi pare una citazione biblica.
    Per favore, mi spieghi a cosa serve questo blog, se non per confrontarsi, ricevere pareri personali, ragionare su ciascuno di essi per cercare il meglio?
    Certo che la perfezione non esiste!
    Ma il tuo amico, diversamente da tutti noi, è già arrivato, perfetto, non criticabile, non migliorabile?

    La critica costruttiva, e la mia cerca sempre di essere tale, mai fine a se stessa o mera affermazione del “me”, aiuta a crescere, a ragionare, a migliorarsi.
    Le deificazioni portano a statue immobili, immortali, tombali.
    Preciso che questo post risponde solo ai commenti di Massimo Losacco e non è una critica all’immagine di Leone Cameli.
    Al temine del mio primo post a commento di questa immagine, nonostante le critiche, mi “complimentavo” con l’autore.
    Un motivo ci sarà!
    E c’é un motivo anche per tutto il resto.

  17. Antonino Tutolo scrive:

    @Massimo Losacco
    “E’ un’istantanea non un dipinto.”

    Quando si portano le immagini alla lettura di un portfolio, il lettore non giudica l’inquadratura?

    L’inquadratura, il taglio, non sono tra gli strumenti di lavoro, di soggettivazione del fotografo?
    Vogliamo mettere in discussione gli elementi fondamentali della fotografia?!
    Non vedo dove sia, in questo caso, la relazione critica con la pittura.

  18. Marco Furio Perini scrive:

    Alla luce di tutto quanto è stato ancora scritto, ci tengo a precisare a Leone, l’autore, che non disprezzo affatto la sua foto, lo conferma il semplice fatto che l’ho commentata, il che significa che in qualche modo mi ha interessato o colpito, seppure non convinto. Di solito preferisco non dir niente sulle fotografie che proprio non mi trasmettono nulla o non mi piacciono, una regola personale che ho adottato dai testi della Nouvelle Vague (in particolare dagli scritti di Truffaut) fin da quando studiavo critica cinematografica. Ho invece provato a suggerire un taglio che, come già specificato nel primo commento, a mio gusto personale probabilmente avrebbe dato maggior spessore emotivo anzichè estetico all’attimo catturato. Pur con tutto il rispetto per la scelta dell’autore, che è sempre l’unica a creare il risultato finale dell’opera. Ciao!

  19. Leone Cameli scrive:

    Marco sono d’accordo del tuo 1-2-commento, ho provato a tagliare come tu mi hai suggerito ma il risultato non mi piace molto, vi ringrazio ancora tutti x i vostri commenti… ne farò tesoro .Ciao!

  20. Antonino Tutolo scrive:

    @Leone Cameli
    “vi ringrazio ancora tutti x i vostri commenti… ne farò tesoro .Ciao!”

    E’ la maniera giusta di considerare i commenti sul blog.
    Ascoltarli e poi trarre le conclusioni alla luce del proprio gusto, della propria personalità fotografica.
    E, come giustamente ha scritto Marco Furio Perini:

    “Pur con tutto il rispetto per la scelta dell’autore, che è sempre l’unica a creare il risultato finale dell’opera. Ciao!”

    Per questo ringrazio Leone Cameli di essersi prestato, con coraggio (altri non si espongono per timore di essere gudicati), al nostro commento.

  21. Massimo Losacco scrive:

    @Antonino Tutolo

    leggo solo oggi tutte le repliche.
    Addirittura tre repliche, articolatissime, tutte per me.
    Antonino, io ho espresso il mio punto di vista, tu il tuo. Ma qui mi sembra che stiamo andando oltre, cosa dovrei spiegare non capisco.
    A me l’immagine piace così com’è, tu hai un tuo punto di vista….. Pazienza.
    Non credo di aver scritto tutte corbellerie, ma una mia personalissima opinione, in maniera molto educata.

    A me piace fotografare….chiacchierare inutilmente un pò meno.

    Un saluto amichevole a tutti.

    Leone, sei bravissimo.

  22. Antonino Tutolo scrive:

    @Massimo Losacco
    “Non credo di aver scritto tutte corbellerie, ma una mia personalissima opinione, in maniera molto educata.”

    Anche a me piace fotografare. Ma discutere di fotografia aiuta ad imparare a fotografare.

    Colgo l’occasione per formularti i migliori auguri di buon anno.

  23. Luca Di Clerico scrive:

    Reputo questa foto molto emozionante e mi piace davvero.

    Mi piacciono un pò meno gli inutili, numerosi e ripetitivi commenti di chi si erge a maestro con la penna rossa…
    Per esprimere la propria opinione credo sia sufficiente un commento, massimo due. Oltre è insicurezza.

    Tenendo conto che non è tutto tecnica, non è tutto regole ma sono importanti occhio e cuore mi sento di complimentarmi con Leone per il suo splendido scatto che mette insieme tutte le cose.

  24. Massimo Losacco scrive:

    @Antonino Tutolo

    hai proprio ragione, parliamo di fotografia allora, non replichiamo ad ogni commento come se fosse uno scontro di opninioni.
    L’impressione che ho è questa, scusami la franchezza.
    Sinceri auguri anche da parte mia per un anno pieno di soddisfazioni.

  25. Antonino Tutolo scrive:

    @Masssimo Losacco
    “hai proprio ragione, parliamo di fotografia allora, non replichiamo ad ogni commento come se fosse uno scontro di opninioni.
    L’impressione che ho è questa, scusami la franchezza. “

    Da parte mia non c’é la volontà di creare uno scontro di opinioni, per affermare la mia.
    Per me la discussione è la massima ed unica espressione dell’intelligenza umana.
    Discutere per capire. Ma sempre nel rispetto degli altri.

Leave a Reply