Leonardo Scarriglia – Crotone – Eden

425 Scariglia Leonardo Eden

Un giorno di nebbia nella vallata di marinella a Crotone!
Tutto e celato, nascosto da una fitta umidità opaca. si ergono sù per le nubi gli stendardi del progresso umano che ingannano l’occhio e violano la purezza del mio sguardo

Popularity: 1% [?]

Comments (6)

 

  1. Enrico Maddalena scrive:

    Una visione negativa dell’eolico Leonardo.
    Eppure è il progresso in positivo quello delle energie rinnovabili. E’ vero che il loro impatto visivo è forte e vorremmo vedere solo natura incontaminata. Ma siamo disposti poi a rinunciare alle comodità, alla tecnologia, a quella tecnologia sofisticata con la quale hai ottenuto questa foto?
    Ma tornando alla foto:
    la presenza del palo in primo piano spezza lo sguardo in due direzioni, grazie anche alla complicità del rotore sullo sfondo a sinistra.
    A mio avviso, la foto sarebbe stata più efficace se avessi spostato la ripresa sulla metà destra con la teoria di pale che si perdono in prospettiva, portando lo sguardo al di fuori del quadro (simbolicamente verso un ignoto futuro). Ma è una mia idea.
    L’immagine così come è mi appare confusa.
    Un saluto
    Enrico

  2. Antonio Esposito scrive:

    Personalmente il palo in prima fila e quello a destra lo taglierei dalla foto. C’è qualcosa che non mi convince cioè il secondo rotore (quelli in fila) è posizionato diversamente dagli altri. Mi dà l’idea che la foto sia costruita.

  3. Antonio Esposito scrive:

    Ho sbagliato intendo il palo sulla sinistra

  4. Antonino Tutolo scrive:

    Condivido pienamente Enrico Maddalena.
    Ogni linea che attraversa completamente una foto la divide in due parti.
    Il palo in primissimo piano è antiestetico.
    Avrei cercato di esluderlo dall’inquadratura, cercando di inquadrare i tre pali a destra ed il palo in lontananza a sinistra.

  5. leonardo scarriglia scrive:

    il palo in primo piano è certamente fuori luogo!!Ma è proprio questo che mi ha convinto di più!!l’imbarazzo dello sguardo di fronte ad una ostruzione visiva che rimanda allo squilibrio profondo tra uomo e la terra!!La fotografia non deve essere per foza bella simmetrica e formalmente perfetta!!Le imagini devono poter parlare e non per forza decorare!!!!

  6. Antonino Tutolo scrive:

    @Leonardo scarriglia
    “è certamente fuori luogo! …”

    Condivido l’idea che ha spinto l’autore a questa scelta ed anche l’ironia del titolo “Eden”.
    Il palo esprime materialità in modo forte ed aggressivo.
    Condivido parzialmente anche il primato dei significati sulle regole. Ma la fotografia è comunque soggetta alle leggi dell’estetica.
    Penso che il linguaggio simbolico, la libertà dalle regole debbano comunque indurre il lettore a pensare ai significati; senza creare il dubbio di un errore del fotografo.
    Il fotografo deve indirizzare verso una lettura il più possibile univoca, pulita, estetica, essenziale, senza dubbi.

Leave a Reply