Maurella Rebecchi – Modena – senza titolo

576 Maurella Rebecchi Infinite varianti

Infinite varianti

Popularity: 1% [?]

Comments (5)

 

  1. Enrico Maddalena scrive:

    Una immagine a due colori: le sfumature dell’azzurro fino al blu ed il viola spento del piano di calpestio.
    Il ritmo serrato di luce ed ombra crea una forte vibrazione visiva.
    Tutte le linee della composizione guidano lo sguardo in fondo, nella zona d’ombra dove stazionano due persone che guardano oltre.
    All’improvviso ci accorgiamo di essere circondati da inferriate e quello che prima ci sembrava solo un gioco di ritmi e colori, ora ci appare quasi come una prigione.

  2. lucy franco scrive:

    sicuramente c’è l’idea , ma , secondo il mio parere naturalmente opinabile, le linee che si creano con le ombre e le linee dei ferri stessi mi risultano disarmoniche , creando una sensazione di disordine e coinfusione allo sguardo.
    I due soggetti neri in fondo creano la giusta proporzione e danno calore ad una foto che altrimenti sarebbe quasi un astratto, ma io avrei scelto un’altra inquadratura per valorizzare la loro presenza facendo interagire meglio il loro nero col nero delle linee

  3. franca catellani scrive:

    Bellissima questa immagine.Disegnare il tempo e l’armonia architetture di luci e di ombre.
    .L’intuizione dell’autrice cattura quel preciso momento quando la luce del sole crea pieni e vuoti della struttura architettonica. Dinamiche linee di luce e di forme rendono la struttura di ferro leggera , composizione creata con tutte le linee verticali -diagonali e orizzontali Anche il colore dai toni azzurrognoli trasfigura e smaterializza le forme.

  4. maurizio tieghi scrive:

    si resta ammirati da questa bella combinazione geometrica creata dalla luce che è colore ed ombra insieme, concordo, però ricordo che nella pittura già all’inizio del secolo si era abbandonato il figurativo, mi chiedo perché i fotografi/e oggi nel 2000 e passa devono continuare a farsi l’autoritratto con la fotocamera. devono misurare tutto a loro immagine e somiglianza, anche i fotoamatori abbiano finalmente il coraggio di rompere gli specchi

  5. Marco Furio Perini scrive:

    Due anime imprigionate. La libertà del mare può essere solo guardata, ma le sbarre sono la barriera insuperabile che costringe ad una prigionia forzosa. La distanza tra natura ed ambiente umano sembra invalicabile. Ciao

Leave a Reply