Matteo Prencipe – Manfredonia (FG) – Seeking for my future

655 Matteo Prencipe Looking for

C’è una storia comune a tanti bambini a prescindere dal colore della loro pelle. Giocare con poco e niente non riveste solo il ruolo ludico e di crescita infantile, ma è anche un modo per esprimere più o meno consapevolmente la propria curiosità per il futuro che è tutto da scoprire, tra un minuto o tra dieci anni.

Popularity: 1% [?]

Comments (9)

 

  1. ambra menichini scrive:

    il bw è di gran lusso foografico così come la concettualità che è legata all’about dell’autore……………..la scelta di permettere ad un occhio solo di farsi scoprire dona profondità a tutta l’immagine regalando tridimensionalità

    ritratto emotiva e “completo”……………tra le migliori viste ultimamente in fotoit

    grazie staff per avercela regalata

    un saluto

    Ambra

  2. Dario Mariantoni scrive:

    Sia le mani in primo piano che l’occhio vivo ed incisivo incorniciato da una sorta di anello/lente, mettono a nudo quello che è lo stato d’animo di un ragazzo che sta per affrontare un mondo non certo per una strada in discesa, ma lungo un cammino fatto di consapevoli asperità.

  3. Enrico Maddalena scrive:

    E’ un esempio di fotografia costruita dall’autore che si serve di un soggetto per esprimere un suo pensiero. Il “cosa” è invece un bambino che sta guardando l’obiettivo della macchina fotografica che gli è davanti.
    Il significato della cosa fotografata non sempre coincide col significato della fotografia.

  4. Matteo prencipe scrive:

    Ringrazio Ambra, Dario ed Enrico per i graditi commenti.

  5. Daniele Spadoni scrive:

    Bellissima immagine sia dal punto di vista strettamente tecnico con un b/n intenso, sia come messaggio che l’occhio del bambino sembra volerci comunicare, un messaggio rivolto a quelle culture occidentali che stanno perdendo di vista i veri valori della vita e la bellezza delle cose semplici.

  6. franca catellani scrive:

    mi piace moltissimo , mi piace anche il b/n questo scatto mi ricorda moltissimo il surrealista Salvador Dali’ , giocoso e curioso amava farsi ritrarre con una grossa lente e attraverso essa scrutava il mondo .
    Io che guardo il soggetto fotografato che guarda me dentro alla lente bellissimo gioco di rimandi , uno scatto che crea empatia Se qualcuno ha due minuti di tempo provate ad andare avedere le fotografie The Magic Eye
    di Knulp Malevich su Agora di cult della fiaf
    un portfolio sul concetto dello sguardo attraverso una lente sui grandi autori della fotografia italiana come Berengo Gardin , Scianna ,Migliori ecc ecc

  7. Gaetano Fisicaro scrive:

    Splendida e non aggiungo altro….
    Un lavoro eseguito molto bene, ottimo il b&n, e uno sguardo che ti rapisce e colpisce subito…
    I miei complimenti!!!

  8. Chiara Lana scrive:

    un racconto fotografico molto profondo oltre che intimo.
    i bambini insegnano ai grandi. complimenti.

  9. Matteo Prencipe scrive:

    Grazie ancora a tutti voi…

Leave a Reply