Antonino Catania – Mussomeli (CL) – Amarsi

Il dono dell’amore per grandi e piccoli.

Popularity: 1% [?]

Comments (14)

 

  1. Enrico Maddalena scrive:

    In ogni foto, ciò che l’autore vuole comunicarci è leggibile attraverso l’analisi delle sue scelte tecniche e compositive.
    L’inquadratura è stretta su tre soli elementi: due mani e un addome gonfio. Il titolo ci fa capire che trattasi di una donna incinta. La messa a fuoco è sulla mano centrale, che palpa con delicatezza. E’ lei la protagonista. Sembrerebbe la mano di un ragazzo. L’altra mano avvolge delicatamente la prima, approvandone ed accompagnandone il gesto. Tre esseri sono in contatto, un contatto affettuoso. Uno di questi è nascosto anche se presente. Si potrebbe anche intitolare: “L’attesa”.
    L’unico elemento che trovo di disturbo è l’area bianca in basso sullo sfondo.

  2. maurizio tieghi scrive:

    l’interruzione temporanea (?) sul blog del normale flusso foto-commenti ha finito per disperdere nello sterminato mare del web gli abituali ed occasionali fruitori del sito. ora cosa è meglio fare? aspettare il ritorno ad ITAca oppure oppure seguire il canto di nuove sirene? ma queste parole hanno un nesso con la foto bn in attesa di Comment (1+…) Certamente oserei dire, basta seguirne la traccia.

  3. Antony Catania scrive:

    Ottima lettura di questa mia immagine. Per quanto concerne l’area bianca, era la t-shirt del piccolo, ed è vero diciamo che con un attenta analisi disturba un pochino la visione strutturale dell’immagine nel suo insieme.

  4. ambra menichini scrive:

    se devo essere molto sincera……..trovo questa fotografia intensa a livello emotivo ma un tema già visto e rivisto …….
    auguri per il nuovo venuto :) ))

  5. X maurizio tieghi. Trovo che sia diventato di una noia mortale. Ricambio foto scarsissimo, niente di originale ma cose viste e riviste. Commenti scontati…

  6. Enrico Maddalena scrive:

    x Giovanni.
    La momentanea stasi dipende dall’impegno verso una importante manifestazione fotografica da parte di chi gestisce gratutamente questo blog regalando il suo tempo a beneficio di tutti. Per il “cose viste e riviste” penso che tutti hanno accesso al blog e non è obbligatorio essere degli innovatori, Molti postano per imparare. Per i “commenti scontati” poi, la ritengo una espressione poco carina (mettiamola così) per chi interviene con le proprie competenze, anche limitate, mantenendo in vita questo spazio. Chi si sente più in alto può intervenire con commenti più illuminanti…
    Scusami, ma proprio dovevo, pur con tutta la simpatia.

  7. Scontati nel senso che sono p revedibili, che si rifanno più o meno alla letteratura nota in fiaf e dintorni. Nn era ovviamente nulla di negativo dal punto di vista crotico. Solo un po’ di noia, tutto qui

  8. Su questa foto, ad es., che dire? Il sentimento più vecchio del mnodo della tenerezza di un gesto materno e una nuova vita che sta arrivando… Vabbè, quello è, ma che scatole!

  9. Antony Catania scrive:

    Bè vedo che il Sig. Firmani e stufo di questo genere di foto, anzi direi annoiatissimo. Volevo fare solo una premessa, questa foto fa parte di una mia serie dove tutti i scatti ritraggono le gesta delle mani, come linguaggio per esprimere un qualcosa, o un mio modo di vedere. Se poi mi trovo davanti ad una scena del genere in casa mia, mica posso pensare se questa foto è una scena già vista o altro, io l’ho scattata perche per me esprimeva un determinato concetto nel mio modo di vedere. tutto qua. Se poi piace o non piace, non ci posso fare niente. Comunque ogni critica se costruttiva è bene accetta.

  10. maurizio tieghi scrive:

    io sono del parere che gli autori dovrebbero sempre ringraziare le persone che si soffermano a commentare la loro “singola” foto, per quanto le loro parole possono suonare stonate alla loro sensibilità di puri creatori d’immagini uniche, questi perlomeno si pongono nei confronti della foto, moltissimi altri tirano innanzi senza curarsi.

  11. Leggendo il commento postumo dell’autore non posso che aggiungere autoreferenzialità alla noia. Giusto scattare eventi personali, la fotografia è anche questo. Ma pubblicare ovvero condividere poi è un’altra cosa. Da un movimento fotoamatori degli anni 2000 e passa mi aspetterei di vedere anche dell’altro, fermo restando che c’è posto per tutti e che le critiche divrebbero semore essere propositive. E infatti propongo: basta coi soliti cliché, con i ritratti esotici, con la mano del nonno che incontra quella del nipote…. Sennò che succede? Niente di particolare, solo che mi annoio :)

  12. Enrico Maddalena scrive:

    Giovanni, in tutta amicizia mi chiedo, perchè invece di annoiarti non posti un po’ dei tuoi lavori?

  13. io li mando ogni tanto…

  14. pieropuntoni scrive:

    chiedo scusa all’autore per la mia monotona ripetizione…Sì… una situazione affettuosa ripetente e ripetitiva che smorza e vanifica la delicatezza del momento che Antonio voleva comunicarci…
    p.

Leave a Reply