Fabrizio Barbanti – Bollate (MI) – Su e giù per l’Amstel

Vivere en plein air ad Amsterdam una ragione di vita…

Popularity: 1% [?]

Comments (7)

 

  1. Marco Furio Perini scrive:

    Come una foto pubblicitaria su una rivista per donne. Ma non di quelle riviste o quelle donne che se la tirano, sofisticate, patinate, care (le riviste), improbabili (le donne)… no, di quelle riviste semplici ed a prezzi correnti, di quelle donne autentiche che vivono la loro vita di tutti i giorni tra di noi, con i loro problemi veri ma anche le loro gioie ed i loro giovani sogni… Ciao

  2. Roberto Depratti scrive:

    Apprezzo l’immediatezza dello scatto che traspare con ….estrema freschezza che deriva proprio dalla spontaneità delle movenze ……

  3. Enrico Maddalena scrive:

    Visto il piede sinistro staccato dal pedale, ho pensato ad una immagine posata con la bici ferma. Poi lo svolazzare della gonna mi ha fatto ricredere. Al di fuori del “cosa”, è notevole il “come”, la messa a fuoco selettiva ed il controluce morbido e stupendo. Una foto formalmente ben fatta.

  4. giuliano andrea ravasio scrive:

    fotografia di una semplicità disarmante, ma molto ben fatta e curata.
    cordialmente Giuliano A Ravasio

  5. Fabio Panzavolta scrive:

    Ottimo istante e molto spontaneo
    Complimenti
    Fabio

  6. Domenico Brizio scrive:

    Accordo dinamico tra la morbidezza dei capelli e la falda della gonna al vento; accordo di forza tra le mani ed il piede destro nell’azione di conduzione della bicicletta… disaccordo tra la figura e lo sfondo: troppi geometrici e lineari pali, grondaie, soprafinestre, mancorrente che tagliano il soggetto in modo da rompere l’entrata in scena della leggiadra ciclista.

  7. Colto l’attimo e di conseguenza la spontaneità del soggetto… ben fatto!!!
    Eccellente
    Massimo

Leave a Reply