Sauro Marini – Ancona – Spirale

688 Sauro Marini Spirale

Sono sempre affascinato dal classico tema della spirale architettonica, questo ne è un esemplare.
In questo caso il riscontro che mi piacerebbe avere è relativo alla scelta di porre il fuoco sul fondo della scala e della forte sfocatura del primo piano; l’ho fatto in modo mirato, per ottenere un effetto che per ora non rivelo, desiderando sapere se l’obiettivo è stato raggiunto.

Popularity: 1% [?]

Comments (7)

 

  1. Antonio Perrone scrive:

    Io dal mio basso e modesto parere la trovo funzionale la scelta di porre lo sfocato cone guida all’occhio per scoprire la fine della scala… complimenti per la pubblicazione Sauro e un saluto
    Antonio

  2. Dario Mariantoni scrive:

    A parte i vari significati simbolici sulla spirale, in questo caso in senso orario, quindi conoscenza del proprio Io profondo, oppure viaggio verso la luce…la composizione risulta ben proporzionata e con una buona profondità data appunto dallo sfocato in primo piano (leggermente grigio a monitor). Anche i gradini convergenti contribuiscono ad indirizzare lo sguardo.
    Saluti Dario

  3. Sauro scrive:

    Dario in effetti il problema delle variazioni di tonalità tra i monitor è sempre lì. In questo caso devo dire che non sono intervenuto sull’immagine modificandone qualche parametro; nella parte alta la scala era in penombra mentre in basso c’era la porta di uscita, chiaramente aperta e l’idea di mettere il fuoco in fondo mi è venuta proprio osservando l’effetto della luce, penso che il grigio del primo piano, insieme alla sfocatura, contribuisca a portare l’occhio in basso.
    Grazie dei commenti a entrambi

  4. Enrico scrive:

    Sono scelte ovviamente personali. Io avrei tenuto tutto a fuoco, anche perchè in ogni caso l’occhio verrebbe guidato, sia dalla geometria della stessa spirale, sia dall’aumento progressivo della luminosità, verso il centro dell’immagine. Lo sfuocato in primo piano produce un senso di fastidio che spinge ancor più l’occhio ad allontanarsene ed a guardare al centro; ma sempre un senso di fastidio è mentre, sempre secondo il mio pensiero, trattandosi di una immagine di tipo geometrico, sarebbe stata più efficace una pdc estesa. Per quanto riguarda i significati altri che si possono trovare, qui le integrazioni psicologiche la farebbero da padrone. Ma in una immagine il contenuto significativo è quello ricavabile dai segni linguistici ivi presenti.
    Un saluto
    Enrico

  5. Stavo riscrivendo quanto già esposta da Enrico che a questo punto quoto!!!

  6. maurizio tieghi scrive:

    una lettura di questa immagine non può prescindere dal rapporto aureo o serie di Fibonacci, se nel comporla si teneva conto da quanto indicato da questi semplici regole sarebbe risultata più piacevole la sua osservazione, con la conseguenza ottenere pareri parimenti piacevoli.

  7. Franca Catellani scrive:

    La sezione aurea, , ha colpito da molto tempo la fantasia di artisti e cultori di storia dell’arte in quanto sembra essere alla base della composizione in molti dipinti, sculture e opere di architettura dimostrerebbe, secondo molti, una particolare valenza estetica della sezione aurea: le opere realizzate tenendo conto della sezione aurea apparirebbero più belle e armoniose in quanto il cervello umano sarebbe naturalmente predisposto a trovare gradevole questa particolare proporzione. L’uomo ideando architetture o oggetti o cupole di chiese ne sublimava la visione

Leave a Reply